Quanto deve durare un rapporto sessuale?

Probabilmente te lo sei già chiesto. È stato molto veloce? Pensi che sia durato troppo a lungo? Con l’aiuto della scienza, aiutiamo a demistificare questo problema e rispondere alla domanda: quanto deve durare un rapporto sessuale?

La linea che separa una relazione sessuale troppo breve, troppo lunga o con un tempismo considerato perfetto è molto tenue. Il tempo, come criterio di valutazione, è relativo per diverse ragioni. La qualità di un amplesso dipende dai gusti, dal modo in cui il tempo viene utilizzato e da ciò che viene raggiunto (o meno) nel corso dell’azione.

Potresti esserti già chiesto se la durata del sesso con il tuo partner rientri nell’intervallo normale. Oggi abbiamo tutti dei dubbi. Ma attenzione! Sebbene esistano dati indicativi su quanto a lungo debba durare un buon rapporto sessuale, si deve tenere conto del fatto che la qualità non va misurata unicamente ed esclusivamente dalla sua durata. Né dovrebbe mai essere cronometrata.

Quanto deve durare un rapporto? Lo dice la scienza

Il problema non è nuovo ed è stato molto discusso. Il Journal of Sexual Medicine ha pubblicato nel 2005 uno studio che ha concluso che la durata media di una relazione sessuale (allusiva solo alla penetrazione) è di 5,4 minuti. Ma Rachel Hills, l’autrice di The Sex Myth, citata nell’edizione americana della rivista GQ, ha detto che altri sondaggi hanno suggerito una media di 7,5 minuti.

Già, nel 2008, lo studio “Canadian and American Sex Therapists’ Perceptions of Normal and Abnormal Ejaculatory Latencies: How Long Should Intercourse Last?” suggerisce che il tempo di penetrazione considerato “adeguato” duri dai 3 ai 7 minuti.

“Per i più ambiziosi”, dice l’edizione americana di Esquire, il tempo desiderabile è di 7-13 minuti, con una media di 5 minuti.

Un’altra ricerca condotta da diversi terapeuti e pubblicato sul Journal of Sex Research afferma lo stesso. Il rapporto sessuale (riguarda solo la penetrazione) che dura tra 1 e 2 minuti è troppo breve. Quelli che durano tra 3 e 7 minuti sono “adeguati”. Tra 7 e 13 minuti sono “desiderabili”. E quelli che durano fino a 30 minuti sono già “troppo lunghi”.

Lo studio più recente è stato condotto nel 2017 da Lovehoney, un negozio di giocattoli di sesso online. Ha identificato che il periodo desiderabile del rapporto dovrebbe essere di 19 minuti. Quindi, 10 dovrebbe essere dedicato ai preliminari e gli altri 9 alla penetrazione. Uno studio del 2004, pubblicato anche sul Journal of Sex Research, ha avuto risultati ravvicinati. Ha concluso che le persone passavano da 11 a 13 minuti ai preliminari e da 7 a 8 minuti circa alla penetrazione.

 

La pressione per raggiungere l’orgasmo

Sappiamo che la penetrazione finisce, di regola, quando un uomo raggiunge l’eiaculazione.

“Il sesso dovrebbe durare abbastanza a lungo affinché i due raggiungano un qualche tipo di soddisfazione, di solito sotto forma di orgasmo”, ha detto a SELF magazine Ian Kerner, autore di She Comes First. Lui parla di “qualche tipo di soddisfazione”, poiché non tutte le donne possono raggiungere l’orgasmo attraverso la penetrazione.

“Molte donne, specialmente quando ricevono del sesso orale, pensano: ‘Ci vorrà molto tempo?’, ‘Si sta divertendo?’ Oppure ‘Quando posso venire?’ Questo tipo di ansia può ritardare l’orgasmo o addirittura impedirlo. ”

La risposta è…

Molti numeri, molti dati, molte studi e ricerche. Noi abbiamo capito questo: se il sesso con il tuo partner dura da 5 a 13 minuti, è all’interno di ciò che può essere considerato normale. Complessivamente, con i preliminari, la durata più comune è di circa 30 minuti (minuto più, minuto meno)

Curiosità
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto termini e condizioni di utilizzo del sito e la policy sulla privacy.